2020

FotoNote Edizione Contrasto

FotoNoteContrasto
La Edizioni Contrasto ha pubblicato una piacevole collana “FotoNote” in formato tascabile, ognuna dedicata ad un grande personaggio della fotografia. (www.contrastobooks.com).

Susan Sontag Sulla fotografia

susansontag
Susan Sontag in questo trattato “Sulla Fotografia:. Realtà e immagine nella nostra società.”, analizza come di fronte al moltiplicarsi della fotografia, all'onnipresenza dell'immagine e all'incalzare dei messaggi che reclamano tutti con massima urgenza la nostra attenzione, non manca chi si è posto a riflettere sui problemi che tutto ciò solleva, sugli schock e le abitudini che derivano da queste frequentazioni. Un saggio da avere.
Ed Einaudi. Piccolo biblioteca Einaudi, ISBN 9788806169060.

Francesca Woodman

FrancescaWoodman
Francesca Woodman, inizia a fotografare a tredici anni, quando realizza il suo primo autoscatto. Nei nove anni di attività l’artista continua a ritrarsi. Il libro è edito dalla Silvana Editoriale ISBN 9-788836-614905 e costituisce il catalogo della mostra del 2010 al Palazzo della Regione di Milano. Interessante non solo per l’ottima impaginazione ma per la catalogazione e i testi a cura di Marco Pierini.

Francesca Woodman Gli anni romani tra pelle e pellicola

FrancescaWoodmanPedicini
Francesca Woodman raccontata da Isabella Pedicini per la Edizioni Contrasto (ISBN: 9788869653841).
Complemento del catalogo della mostra, analisi profonda a volte lenta ma indispensabile per apprezzare criticamente le opere della Woodman. Ne esiste anche edizione elettronica.

Robert Frank The Americans

RobertFrankTheAmercans
Robert Frank come Kerouac percorre gli Stati Uniti su una vecchia automobile e compie un viaggio On the road nella solitudine del territorio americano e all’interno della stessa fotografia, poiché per lui la fotografia è un viaggio solitario. Kerouac ne cura l’introduzione che si conclude con una delle più belle frasi scritte per un fotografo “Robert Frank … sucked a sad poem right out of America onto film, taking rank amog the tragic poets of the world. To Robert Frank I now give this message: You got yes.”.
Ne esce una visione dissacrata della quotidianità americana degli anni ’50. Non può mancare nella biblioteca. Un interessante documentario sulla mostra del Nationale Gallery Art lo trovate al seguente lnk https://youtu.be/mHtRZBDOgag (Ed. Steidl ISBN-10 386521584X)

Stephen Shore Uncommon Place

StephenShoreuncommon place StephenShoreAmericanSurface
Uncommon Place dopo American Surfaces, il libro di maggior successo di Stephen Shore (di cui ne è uscita in questi giorni una nuova edizione con aggiunta di ulteriori fotografie), quello che lo ha consacrato fra i principali fotografi americani e che ne ha influenzato un’intera generazione.
I luoghi da lui raccontati sono la trasformazione del paesaggio operata dall'uomo. Questi luoghi diventano un ricettacolo di emozioni, stati d'animo situazioni che assumono ancora più significato anche nell'assenza di persone fisiche. Situazioni ed oggetti quotidiani diventano la sintesi dello spirito dell'America degli anni Ottanta del Novecento. (Ed. Aperture ISBN-10:1597113034).

Stephen Shore Survey

StephenShore
La prima, completa retrospettiva dedicata a Stephen Shore, grande interprete della fotografia americana. In questo volume il lavoro di Shore è raccolto, interpretato e analizzato in una prospettiva storica e trasversale unica. Il suo legame con la tradizione della fotografia americana, le influenze di Walker Evans, la frequentazione con Andy Warhol e la Factory, i rapporti con i maestri-colleghi della fotografia contemporanea, la scelta di nuovi strumenti, lo sguardo sempre preciso e consapevole. L'evoluzione, progetto dopo progetto, di uno stile originale, autentico e innovativo, attento e poetico, in grado di raccontare la realtà e i suoi cambiamenti, A cura di Marta Dahó, con un'ampia scelta di immagini dai diversi lavori dell'autore, testi di Horacio Fernàndez, Sandra Phillips e un'intervista a Stephen Shore di David Campany, il libro accompagna la grande mostra retrospettiva europea prodotta dalla fundación Mapfre di Madrid. (Ed. Fundaciòn Mapfre ISBN 978-1-59711-309-0).

Fotografia e inconscio tecnologico

fotografiaeinconsciotecncologico
Franco Vaccari sviluppa un profondo lavoro di “scardinamento” dei condizionamenti visivi che limitano le potenzialità della fotografia. “Non è importante che il fotografo sappia vedere, perchè la macchina fotografica vede per lui”. Da leggere con calma e attenzione. (Einaudi - Piccola Biblioteca Einaudi ISBN-10: 8806207334)

La camera chiara

lacamerachiara
Roland Barthes si avventura nell’analisi della fotografia in un saggio che costituisce una pietra miliare per chiunque voglia affrontare la fotografia in profondità. Interessantissima l’analisi sul perché una foto piace, sulla differenza fra punctum e stadium. Non solo per fotografi ma anche per chi voglia cercare di capire le opere dei grandi fotografi. Da avere sul tavolino, sempre. (Einaudi - Piccola Biblioteca Einaudi ISBN-10: 880616497X)

The Ongoing Moment



outgoing
Geoff Dyer è l’autore di un libro molto particolare “The ongoing moment”. Appassionato di musica e di fotografia, senza essere né musicista né fotografo, ha analizzato i differenti stili con cui diversi fotografi hanno fotografato gli stessi oggetti. Ne è nato un testo al tempo stesso divertente ed interessante, una analisi approfondita sugli stili dei più noti fotografi americani. Un libro da avere, da leggere e rileggere.
Esiste anche l’edizione italiana seppur di difficile reperibilità (L’infinito istante). (Edizioni Vintage ISBN: 978-1-4000-3168-9 www.vintagebooks.com)

Seeing Through Photographs

SeeingThroughPhotographs
In sintonia con il libro di Szarkowski non posso non suggerire un corso on line del MoMA “Seeing Through Photographs”. Accattivante e denso di spunti di riflessione oltre che di studio e approfondimento. Può essere fine a se stesso (gratuito) o all’acquisizione del certificato.CouseraCertsmall

The Photographer's Eye

photoeye
The Photographer’e Eye di John Szarkowski è un libro che non può mancare nella biblioteca di un amante della fotografia.
Edito la prima volta nel 1966, più come catalogo dell’omonima mostra del 1964 al MoMA che come opera fine a se stessa, rappresenta forse per la prima volta la storia della fotografia e dell’evoluzione del suo linguaggio. Uno studio sui motivi e sulle percezioni dei fotografi, in sostanza: “… what photograps look like, andate of why they look that way.”. Dal 2007 esiste anche una versione italiana edita dalla 5 Continents Edition. (Ed. The Museum of Modern Art, New York ISBN: 978-0-87070-527-4).